Non accetto lezioni (di calcio e di gnocca) dagli inglesi

La mia vicina di casa è tornata per le feste da Londra, dove ormai vive e lavora da due anni. E’ del 1981, il suo iter universitario è stato pressochè uguale al mio. Solo che lei pala l’inglese come l’italiano (io ci riesco, ma solo con il dialetto bresciano) e ha fatto il tirocinio nel Regno Unito, appunto. Divisione marketing di una multinazionale. Tre mesi di prova, la laurea in Italia. E poi l’assunzione, a tempo indeterminato, da loro. Uguale a quello che avviene dalle nostre parti, davvero…L’ho vista e le ho chiesto: “Non hai nostalgia dell’Italia?”. Risposta: “Là si sta da favola. C’è lavoro, c’è meritocrazia. Perchè dovrei tornare?“. Come darle torto…

Prendo spunto da questo aneddoto, ma solo per parlare di sport. Meglio, di calcio. Vi eviterò pipponi sul nazionalismo, sulla lettera di Celli che consigliava a suo figlio di espatriare. Basta, non se ne può più. Il disfattismo non abita da queste parti, lo dico subito.

Io adoro l’Inghilterra, mi piace tantissimo. Tutto sommato apprezzo pure gli inglesi, nonostante la loro naturale boria (mai come i francesi, comunque…) e quel colore rossiccio naturale che, nelle ragazze, non ho mai amato. In quanto a gnocca (l’avevo detto che sul blog avrei parlato in libertà), tanto per capirci, noi italiani siamo messi molto meglio. Vuoi mettere una bella mora mediterranea tutta curve e fascino? Vinciamo 2-0 facile, all’inglese come si suol dire. E anche nel calcio – adesso arrivo al dunque del mio post – gli amici inglesi non hanno nulla da insegnarci.
La Premier League in questo momento è di gran lunga il campionato più bello del mondo, non si discute. Spettacolo, equilibrio, campioni veri anche in squadre di media-bassa classifica. E il famoso fair play per cui tanto si vantano. A ragione. Ma, cari i miei inglesoni, quanti allenatori indigeni vi sono alla guida dei vostri top team? La risposta è zero, perchè Sir Alex Ferguson è scozzese. Come il tennista Andy Murray, che gli inglesi si sono autoassegnati dopo non aver visto un tennista vero per trent’anni. Interessante questa storia della Scozia, di cui diventano amici solo quando fa comodo a loro…

Torniamo però a bomba all’argomento principale. Allenatori, dicevamo. L’Arsenal dei giovani l’ha creato Wenger, fino a prova contraria francese al 100%. Il Chelsea, dopo lo Special One (lui è innominabile…), Grant e Hiddink, si è affidato al nostro Carletto Ancelotti per risorgere. Lo stesso dicasi del Manchester City, che ha soldi in quantità ma per provare a diventare competitivo ha cacciato Hughes e preso Bobbygol Mancini. Due vittorie su due per il Mancio, chapeau. Che dire poi del Liverpool? Benitez, spagnolo, è a mio giudizio tra i migliori allenatori del mondo. Con una squadra normale, nient’affatto stellare, ha raggiunto due finali di Champions in due anni. Buttatele via.


Dulcis in fundo, a chi si è affidata la Federazione inglese per ridare i connotati di una squadra vera alla propria Nazionale, dopo la vergognosa gestione McClaren (inglese)? A Fabio Capello, of course.
E prima ancora l’italosvedese Eriksson, sfortunato come pochi dal 2002 al 2006: tre volte uscito ai quarti, due volte ai rigori sempre con il Portogallo. Bilancio del goriziano, uno che di solito vince poco (cinque scudetti in Italia più i due revocati alla Juve, due su due nella Liga con il Real): nove vittorie su dieci e qualificazione per il Sudafrica ipotecata con largo anticipo. Vi dirò di più: se avete due soldi in tasca, andate a puntarli sull’Inghilterra campione del mondo a Luglio. Me lo sento, è il loro turno. Un cerchio che si chiude come fu per noi a Berlino. La squadra è fortissima, manca solo un attaccante centrale a far coppia con Rooney (ma Cole, Defoe e Agbonlahor non fanno schifo, se pensiamo che noi abbiamo vinto il Mondiale con Toni…) e un portiere decente. Già, un portiere. Pensate, qualche anno fa volevano naturalizzare il nostro Cuducini. Povera Regina…

In soldoni, dunque, di cosa si possono vantare al nostro cospetto gli inventori del calcio? Di poco, pochissimo. I numeri parlano chiaro. L’Italia ha vinto 4 Mondiali (due volte seconda ed una volta terza) ed un Europeo (quello del 2000 mi sta ancora qua). L’Inghilterra ha vinto il Mondiale del 1966 in casa, rubandolo. Poi il nulla, Europei inclusi dove il miglior risultato è stato un terzo posto nel 1996 (sempre ospitando l’evento). I club inglesi hanno vinto 11 Coppe dei campioni come i nostri, ma possiamo vantare sei finali in più (25 contro 19). Senza dimenticarci che la Coppa Uefa, sino alla fine degli anni Novanta, era per certi versi ancora più competitiva. E noi l’abbiamo vinta nove volte (15 finali), loro sei (10 finali). Palloni d’Oro? Cinque per noi, cinque per loro. Ma i vincitori, per 18 volte – contro le sei degli inglesi – sono stati espressi dalla serie A.

Insomma, giusto che gli inglesi ci diano lezioni di vita. Ma non troppo…


Nel calcio comandiamo ancora noi, almeno sino a luglio..
.
Annunci

4 Responses to Non accetto lezioni (di calcio e di gnocca) dagli inglesi

  1. angelo ha detto:

    ciao,
    hai ragione su tutto solo un piccolo errore che però aumenta la tua versione Hughes non è inglese ma GALLESE. Ciao

  2. […] 12 mesi. Li vivremo assieme, spero. 1) MONDIALE DI CALCIO (Sudafrica, 11 giugno-11 luglio) Ho già detto che, per me, vince l’Inghilterra. L’Italia esce ai quarti, ma il culo di Lippi non conosce confini. Non si sa mai. Rivivere le […]

  3. […] 12 mesi. Li vivremo assieme, spero. 1) MONDIALE DI CALCIO (Sudafrica, 11 giugno-11 luglio) Ho già detto che, per me, vince l’Inghilterra. L’Italia esce ai quarti, ma il culo di Lippi non conosce confini. Non si sa mai. Rivivere le […]

  4. mauma ha detto:

    ti sei dimenticato del meraviglioso quarto posto in argentina,era la squadra + bella degli ultimi 35 anni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: