Se vince il Novara sono quasi contento…

In America lo chiamano ‘underdog’. Accade quando, nello sport, una squadra meno quotata stravolge il pronostico della vigilia. Nel calcio accade spesso, lo dice la storia. Noi ne sappiamo qualcosa: il fantasma di Pak Doo Ik, il coreano che ci estromise dal Mondiale del 1966, ancora ricorre nella mente di tutti i calciofili.

Eppure, la Coppa Italia di calcio non ha mai rispettato questa regola. Un fenomeno in controtendenza rispetto a quanto avviene negli altri paesi europei. In Inghilterra, la FA Cup – l’equivalente della nostra coppa nazionale – affascina da sempre per le sue storie incredibili. La squadra del piccolo sobborgo sperduto che elimina le grandi della Premier League, nobili decadute come il Leeds (ora in terza serie) che risorgono e sconfiggono in trasferta il Manchester United. E’ successo il 3 gennaio, non secoli fa.

In Francia, il piccolo Calais divenne la squadra di tutti quando, partendo dalla serie C2, arrivò a pochi minuti dalla conquista della Coppa di Francia. Non ce la fece per un soffio. Episodi simili sono accaduti, di frequente, pure in Germania e in Spagna: basti pensare alla batosta subita quest’anno dal Real Madrid, umiliato 4-0 dai semidilettanti dell’Alcorcon ed estromesso dalla Coppa del Re.

Oggi e domani, Novara e Lumezzane hanno la possibilità di cambiare il destino anche in Italia. I piemontesi, padroni assoluti della Prima Divisione (45 punti in 19 partite sin qui) e già in grado di eliminare nei turni precedenti Parma e Siena, scendono in campo nel pomeriggio (ore 16) a San Siro per affrontare il Milan negli ottavi di finale. Li attende la Scala del calcio. Vuota, probabilmente, ma per Ventola e soci sarà un giorno da ricordare. Comunque vada. Gara secca: chi perde esce.

Il Lumezzane, stessa categoria e stesso girone del Novara – peggiore la posizione in classifica: sesto, a 17 lunghezze di distanza dalla vetta – gioca invece domani la sua fiche per la storia. I bresciani hanno già eliminato l’Atalanta, storica rivale della Leonessa d’Italia. La loro parte, per essere inseriti nel libro dei ricordi della città, l’hanno quindi già fatta. L’appetito però vien mangiando e l’Udinese, squadra blasonata ma in piena crisi, non sembra un ostacolo impossibile da superare.

Domani, alle 18.30, sarà il loro turno. Qualche ora più tardi, sapremo se anche il calcio italiano avrà finalmente una favola da raccontare. In uno sport sempre meno romantico, sarebbe un piccolo regalo di Natale posticipato.

E a me non dispiacerebbe. Milanista sempre…ma non troppo

Annunci

One Response to Se vince il Novara sono quasi contento…

  1. gilbo ha detto:

    luca cosa mi dici di flachi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: