Dove eravamo rimasti…

foto libro

Dove eravamo rimasti. Già. Dicembre 2010, ultimo post di un blog che avevo iniziato per obbligo al Master di Giornalismo, era diventato poi una piccola bottega in cui esercitavo il mio stile giornalistico per tramutarsi infine in uno sfogatoio. Nel quale potevo scrivere senza vincoli quello che mi andava. Appunto, quello che mi andava. A un certo punto non mi andava più ed ho smesso.

Due anni e tre mesi dopo, è tutto diverso. La mia vita è cambiata, altro che tsunami grilliano (domani, comunque sia, andate a votare). Aspetti principali: mi sono fidanzato da ormai due anni e sono innamorato, conosco a memoria ogni angolo della A4, avevo detto che il Milan avrebbe vinto lo scudetto nel 2011 ed è successo, pensavo bissasse anche nel 2012 e non è accaduto, sono tornato ad allenare la mia B.B.M. (reduce dal traguardo delle 200 partite), conduco ancora ‘Centocampi‘ su Retebrescia (124 puntate, le rifarei tutte da capo per le soddisfazioni che mi ha dato il calcio femminile e quello dilettantistico) e ho aggiunto altre due trasmissioni sul Brescia, sono diventato professionista, mi sono accorto che il tesserino non serve a nulla, non collaboro più con la ‘Gazzetta’ ma ho iniziato a farlo per le pagine bresciane del ‘Corriere’, ho pensato per dieci secondi di entrare in politica una sera tornando da Bergamo, ci ho ripensato ieri e mi sono messo a ridere, so che prima o poi ci ripenserò perché mi attira, ho conosciuto nuove persone e fatto nuove amicizie, ho lavorato due anni a Milan Channel e da due mesi non sono più un loro dipendente.

Ovviamente, l’elenco non è in ordine di importanza ma sparso, come spesso le mie idee. L’ultimo punto, amore a parte, è stato quello nodale: la vera differenza tra il “prima” e il “dopo”, tra chi ero e chi sono. Cioè, lo stesso sfigato di prima. Ora, senza un lavoro fisso e solo il contachilometri a ringraziarmi di questo. Solo un po’ più conosciuto. Da quel benzinaio che ieri mi ha salutato a Rovato, oppure da quel tale che in treno mi ha chiesto come mai non lavorassi più a Milan Channel. Principalmente, da loro. Gli arbitri del CSI, quelli sì, mi conoscono bene. Ma è un altro discorso…

Mi accorgo dalle ricerche su Google come, al di là di alcuni post di puro cazzeggio cattura-traffico, diversa gente cerca il mio nome ed approda qui. Curiosità. E’ per questo, di base, oltre per un tale user dal nickname “cicciobello” di cui spero di ritrovare i commenti al vetriolo (“fallito”, “poveraccio”, “berlusconiano” sono gli aggettivi migliori, tutti peraltro falsi, spesi su di me sotto i miei articoli), che tornerò a scrivere anche sul blog. Per poter parlare in modo libero, non solo del Milan, ma di quanto mi pare. Nei due anni a Milano, meravigliosi per quanto mi hanno dato a livello umano e professionale trascinandomi da professionista dentro alla mia vita da tifoso (ora un po’ saturo, ma sempre tifoso), mi rimprovero solo di essere stato a tratti impulsivo e non aver contato fino a tre prima di dire come la pensavo. Rifarei tutto, quasi tutto. Sul mio blog, almeno qui, potrò però contare fino a uno e scrivere. Senza il filtro della tv o dei social network. Senza dover essere additato come eretico solo per aver detto la mia. Ecco perché provo a ricominciare. Se mi annoio, alla peggio, ci rivediamo nel 2016. Anno pari, Europei e Olimpiadi. Quindi, di sicuro, non sarà l’anno in cui mi sposerò…

Sportivo sì, pure troppo…

PS: sogno ancora di condurre Sanremo e dire che dirige l’orchestra Peppiniello Vessicchio, ma mi sembrava scontato…

Annunci

3 Responses to Dove eravamo rimasti…

  1. Enrico ha detto:

    In generale non sopporto (in senso sportivo) i milanisti però siccome apprezzo la tua trasmissione dedicata al nostro Brescia ti “perdono” questo difetto e ti auguro le migliori fortune per la tua attività professionale.

  2. Ex abbonato Milan Channel ha detto:

    Ciao Luca, sono un ex abbonato a Milan Channel.. leggendo sopra ho appreso che non fai più parte del canale tematico rossonero.. mi spiegheresti come si è giunti a questa decisione (immagino presa dal direttore) e, se possibile, i contorni di questa vicenda? anche se non sono più abbonato al canale mi è dispiaciuto leggere la notizia e non riesco a trovare una motivazione..
    Tra l’altro non sei il primo che lascia a sorpresa il canale.. immagino tu conosca Valerio Ghisi (non ricordo se avete lavorato a MC nello stesso periodo), anche lui cacciato malamente dal canale (ho letto spesso sulla sua pagina facebook diversi suoi commenti polemici)… che stà succedendo a Milan Channel???

    • Io posso risponderti per me, anche se conosco bene Valerio. Il mio contratto era a termine e non mi è stato rinnovato. La motivazione addotta è stata una mancanza di faziosità. Non so se sia vero o fittizia, ma l’ho accettata. In modo forse sin troppo signorile, ma questo è un altro discorso. Ti ringrazio per la stima, ci si legge qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: