Caro Claudio ti scrivo. Così mi distraggo un po’…

La cosa che più gradirei in questo momento è che tu sbucassi all’improvviso dalla porta della mia camera, dove sto provando
senza riuscirci a prendere sonno (per questo mi sono messo a scrivere, cosa credi?). Sarebbe bello se tu mi dicessi: “Cestelli (una delle dozzine di varianti trovate al mio cognome), ci hai creduto anche tu?”. Poi sorrideresti. Come sempre. Era, decisamente, la tua specialità. Mica è da tutti. A te, invece, veniva spontaneo. Per questo, poi, mi piacerebbe molto tornare assieme in via dei Valtorta, nella vecchia sede, quando le nostre postazioni erano vicine e ci spiavamo le chat su Facebook.

Vorrei leggere con te tutti i commenti apparsi in queste ore su internet. Ci faremmo grandi risate. Senti la ‘Gazza’ cosa dice: “Giornalista instancabile, sempre a caccia della notizia. Una scheggia tra via Turati, Milanello e San Siro”. Una cosa è vera: correvi solo là perché in redazione, purtroppo, non ti si vedeva mai. Ricordi quando, per prenderti in giro, dicevo che con il tempo effettivo in stile basket ci avresti messo 3 mesi a pareggiare le nostre ore settimanali? Stare dietro a una scrivania non faceva per te. Milanello era casa tua ed instancabile, questo sì, lo eri anche a tavola. Del resto, come nel calcio, c’è chi nasce per giocare terzino o mediano e chi viene pagato per fare gol o regalare fantasia alla squadra. Tu eri un nove e mezzo alla Baggio, il nostro giocatore preferito (insieme a Hernan Crespo, ovviamente: mi è toccato venire a salutarti fino a Rozzano per vederlo di persona, se aspettavo che me lo presentassi…). Anche se ti ho visto giocare una sola volta – male – con il 7. Nella vita serve la qualità, non solo la quantità (il direttore non sente, spero). Tu intuivi dove poteva finire la palla quel secondo prima. Che fa, sempre, la differenza. Per questo ti invidiavo e ti stimavo, anche se non te l’ho mai detto con quella serietà a noi poco affine. Quando volevi, eri un grande assistman. Come la prima volta in cui andai a Milanello e tu mi chiamasti il giorno prima, per dirmi: “Sono o non sono il tuo collega preferito? Ti faccio intervistare Pato…”. Non ho mai capito se tu avessi sbagliato a vedere i turni e il regalo fosse nato per sbaglio, ma poco importa. Mi avevi mandato in gol. Io ricambiai, assecondandoti in uno dei tuoi soliti scherzi, qualche mese dopo. Volevi far credere agli abbonati che Benedetta fosse incinta e io accettai, invitandoli a scriverci via sms le loro felicitazioni alla nostra collega. Cabaret puro, quanto ci piaceva.

Poi senti quest’altro su Twitter: “Morto Claudio Lippi, ma non preoccupatevi: non è quello del Pranzo è servito”. Ti farebbe molto ridere. L’ultimo mio giorno in redazione, quando me ne andai, ti lasciai un post it sul tavolo in cui scrissi: “Sto ancora aspettando di conoscere il Claudio Lippi vero, ma è stato un piacere diventare amico di quello finto”. Tuo zio era il mio idolo da bambino apprendista-presentatore. In te, ho rivisto quell’aspetto genuino ed educato tipico della vostra famiglia. Un sorriso mai banale o di circostanza, l’occhio vispo da eterno Peter Pan. Furbo, ma sognatore e sensibile. Ce l’ha anche tua figlia, sai? Quando la vedo, penso a te. Eterno bambino e padre così orgoglioso. Sai che c’è? Se faccio un figlio maschio, lo presento a Sofia. Milena sarà d’accordo, vedrai, spero solo non perda i capelli presto come me. Le ho fatto una promessa: proverò a ricordarti alla tua maniera, facendo ridere. Anche se mai quanto te. Inizio da domani, però, Claudio.

Perdonami. Oggi non sono riuscito a frenare le lacrime. E’ stato grosso, sai, come scherzo. Dovevi prima avvisarmi. A Natale avevamo promesso di vederci presto, invece ci eravamo sentiti solo via sms o al telefono. Continuo a guardarlo, quello schermo, leggendo le nostre vecchie conversazioni su Whatsapp. Se vuoi chiamarmi, a qualsiasi ora, non servono spiegazioni, basta il solito “Luchino come va?”. Tengo acceso, amico mio.

Ps: Juventus-Milan del 2012, ritorno semifinali di Coppa Italia. Nel pomeriggio, tutta la stampa online e tv afferma che Ibrahimovic partirà dalla panchina. Tutti tranne uno, Claudio Lippi. Ibra gioca, gran colpo giornalistico per noi di Milan Channel. Il giorno dopo, in redazione, gli faccio i complimenti: “Ho sentito dalla voce che eri sicuro, mai avuto dubbi sulle tue fonti”. Claudio: “Beato te, io mi stavo cagando sotto….Ibra è uscito per ultimo”.

Annunci

8 Responses to Caro Claudio ti scrivo. Così mi distraggo un po’…

  1. Alessia ha detto:

    Tu e Lips … Se ripenso ai vostri siparietti mi fa ancora male a pancia dal ridere. Bravo Luca, non c era modo migliore per ricordare una persona stupenda ma soprattutto vera.

    Ti abbraccio
    Cariò

  2. David Pellecchia ha detto:

    ciao luca e’ una bellissima lettera a cuore aperto verso un amico vero,un grande amico e fratello rossonero,sono sicurissimo che da’ lassu’ adesso proteggera’ i nostri cuori,un grande abbraccio luca,sono sempre i migliori che se ne vanno.ciao

  3. Gianluca ha detto:

    Complimenti Luca e una bellissima lettera sono sicuro che Claudio l’ha apprezzata Claudio era questo: sorridente e scherzoso prendeva in giro e si faceva prendere in giro, persone come lui ce ne sono poche CLAUDIO PER SEMPRE UNO DI NOI

  4. Gianclint ha detto:

    Complimenti vivissimi. Capolavoro.

  5. gigio ha detto:

    Bella lettera, chiusura perfetta.

  6. excellent submit, very informative. I ponder why the opposite experts of this sector do not understand this.

    You must proceed your writing. I’m confident, you’ve a great readers’ base already!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: