Il perchè di un titolo

Sportivo ma non troppo. Già. Perchè un titolo del genere che, sinceramente, dice tutto e niente?
Oltre alla naturale volontà di interessare il lettore ad aprire le mie pagine (per poi richiuderle, tra l’altro, dopo aver ne letto i contenuti…), c’è in realtà una spiegazione valida.
Sportivo…ma non troppo. Per tre motivi principali:

a) Non pubblico mie foto per scelta su questo blog, ma il mio fisico è il ritratto del perfetto pantofolaio. Quando ero ggiovane giocavo a basket, adesso tiro due pallettate a tennis e ogni tanto scatta la partitella di calcetto. Non chiedetemi di andare a correre, vi prego. Prendere la vita con calma è così bello, che fretta c’è? Fondamentalmente, quindi, lo sport preferisco guardarlo in tv. Sono sportivo, certo, ma non in quel senso…
b) “Sportivo”. Corrisponde a tale categoria chi osserva gli avvenimenti, specialmente se c’è un pallone in mezzo al campo, con lucido distacco e senso critico. Teoricamente, i giornalisti. Ossia quelli del “Ha vinto il migliore” e palle varie. Appunto, palle. Quando giocano la (le) mia (mie) squadra (e) del cuore, io faccio il tifoso. Godo nel vincere un derby (Milan-Inter o Brescia-Atalanta, fate voi…) al 90′ su autorete, o magari su un rigore che non c’era. Se la Pennetta vincesse Wimbledon per ritiro di un’avversaria, io esulterei. Se l’Italia del basket vincesse un Mondiale (impossibile, temo) con un canestro oltre la sirena, me ne infischierei altamente. Non per questo, vado in giro con il paraocchi. Anzi, a volte sono talmente critico che mi scambiano per interista. Quando succede, vi chiedo una cortesia, fatemi un fischio. Grazie. A tutto c’è un limite.
c) Infine, come ogni blog che si rispetti, credo sia giusto parlare un po’ di quel che mi pare. Con sincerità, senza barriere. E allora, quando ne avrò voglia (capiterà spesso, credo…), questo blog diventerà uno spazio in cui parlare di tutto. A 360 gradi. Da Belen a Obama, passando per Silvio. Altrimenti si offende…

Ecco perchè questo blog si chiama così, Proverò a farlo. Di una cosa vi rassicuro: non sarò calcio dipendente, lo prometto. Amo tutto lo sport. Anche troppo…

Ecco perchè, tra le altre cose, ho scelto l’immagine di Usain Bolt come simbolo di queste pagine. Perchè è il più grande sportivo vivente…perchè non si prende troppo sul serio…perchè sbeffeggia gli avversari dall’alto della sua superiorità…perchè si mangia il pollo fritto a colazione e poi corre i 200 metri in 19″18…

SPORTIVO, MA NON TROPPO…

Annunci

3 Responses to Il perchè di un titolo

  1. Arthur ha detto:

    Berta ti sei dimenticato di scrivere che c’è qualcuno che ti paragona a Mourinho… Dimenticanza o omissione?

  2. Claudio Vic ha detto:

    Grande Luca,ho aperto e letto tutto il tuo blog per la prima volta (scoperto casualmente su fb):”Sportivo ma non troppo” Complimenti!!! A parte che condivido tutti i tuoi pensieri,ma vedo preparazione e competenza 360°,veramente bravo!!! Saluti

  3. Franco ha detto:

    Cercavo la Granbassi, ho trovato un bellissimo blog… Bravo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: